Piano Marketing Partecipato: la vision di Monte Sant’Angelo

Si può trasformare un territorio a vocazione turistica in una destinazione turistica di successo?
La risposta è si!
Come? Attraverso lo sviluppo di un piano marketing di tipo partecipativo che vede coinvolti tutti gli attori del territorio, dagli operatori agli amministratori fino ai residenti, in modo tale da individuare obiettivi concreti e raggiungibili, seguendo una formula bottom up.
Ed è proprio quello che è stato fatto a Monte Sant’Angelo, dove ieri Bruno Bertero, amministratore delegato Four Tourism, ha presentato i risultati del percorso di lavoro svolto, durante il quale sono stati individuati differenti elementi strategici, ossia la vision, il prodotto turistico e l’experience ad esso correlata, l’offerta turistica e i relativi club di prodotto, per arrivare infine ad individuare la governance territoriale necessaria per un’efficace gestione del territorio.

In questo post, andremo a vedere qual è la vision, ossia gli ideali, i valori e le aspirazioni individuati dagli attori del territorio per la destinazione Monte Sant’Angelo e che devono guidare all’azione tutti coloro che operano per il suo sviluppo turistico.

Come vedono quindi gli attori del territorio Monte Sant’Angelo oggi e come vorrebbero che fosse nel 2020?

In sintesi, i punti principali individuati che prevedono un intervento:
coordinamento turistico: deve migliorare il grado di cooperazione e coordinamento tra pubblico e privato, incrementando i momenti di confronto e di condivisione non solo delle azioni finali da realizzare ma delle strategie e degli obiettivi da raggiungere;
servizi per i turisti: è necessario rivedere il sistema di informazione e accoglienza turistica del territorio, in modo tale che sia in grado di soddisfare le esigenze del turista, orientandone le scelte e fidelizzandolo;
infrastrutture: i trasporti per il turista sono da potenziare così come sono da implementare i servizi in loco, al fine di rendere più accessibile la destinazione sia per chi viene da fuori sia per chi ci soggiorna. Inoltre, è da migliorare l’arredo urbano e i servizi legati alle telecomunicazioni, come per esempio la rete wi-fi.
risorse turistiche: quali sono le risorse più rappresentative del territorio e quali sono oggi quelle meno sviluppate? In linea con i trend attuali di mercato, sono state individuate le risorse su cui puntare entro il 2020, ossia il santuario e il centro storico, la natura e i prodotti enogastronomici locali.
immagine della destinazione: è necessario sviluppare un’immagine chiara ed esclusiva di Monte Sant’Angelo che possa permettere ai turisti di identificare e percepire con immediatezza il territorio.

Per ognuno di questi ambiti di intervento, i partecipanti hanno contestualmente individuato gli obiettivi specifici da raggiungere entro il 2020, declinando le singole azioni da sviluppare per raggiungere tali obiettivi.

Nel prossimo post vedremo invece quali sono i prodotti turistici identificati, in linea con la vision e con le risorse turistiche individuate in questa prima fase.

Google

Tags :

Leave a comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.