Online, una nuova edizione del Destinations and Tourism

È online l’ultimo numero del Destinations and Tourism.

In questa edizione, si parla di promozione turistica ma non solo.
Nell’attuale mercato, la promozione così come tradizionalmente intesa non funziona più.
Il turismo è infatti in costante evoluzione così come lo sono i turisti.

Con delle audience sempre più frammentate ed incredule, oltre che agnostiche verso qualsiasi tipo di comunicazione istituzionale e commerciale; con i canali ormai saturi e il bombardamento costante e continuativo cui sono sottoposti i potenziali turisti; con le risorse economiche ogni volta più limitate, se non irrisorie, fare arrivare un messaggio al mercato, sperando di intercettare l’attenzione di qualche utente ed attirarlo verso la destinazione è ogni volta più difficile.

Oggi quindi non bisogna più parlare più di promozione, ma di marketing e branding e soprattutto di raccomandazioni.
Perché è proprio in quello che dicono gli utenti (UGC) che risiede la soluzione.

Ma non solo: le destinazioni italiane sanno dove andare a promuoversi? Sanno quali sono i mercati più dinamici, quelli con il numero di partenze e di viaggi pro capite maggiori o semplicemente si affidano alle mode del momento, nella convinzione che più lontano si va e più si spende migliori saranno i risultati?
Proprio per questo, abbiamo deciso di dedicare un articolo ai mercati outbound per l’Italia, evidenziando l’andamento attuale e i trend in corso, al fine di identificare quelli più promettenti per il futuro turistico del Bel Paese.

Ed infine per chiudere un interessante riflessione sulla tassa di soggiorno e sui suoi possibili utilizzi.

Se vuoi leggere il Destinations and Tourism o riceverlo comodamente via mail clicca qui.

Tags :

Leave a comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.