Le opportunità per i GAL nella programmazione europea

All’inizio del periodo di programmazione 2014-2020, la Commissione Europea ha pubblicato una guida dedicata allo sviluppo locale di tipo partecipativo (CLLD) allo scopo di fornire, a coloro che sono direttamente coinvolti nei gruppi di azione locale, alcuni strumenti e suggerimenti pratici per attuare il CLLD in diversi contesti.
Dopo un paio di capitoli introduttivi volti a dimostrare a città e organizzazioni sociali che il CLLD è uno strumento efficace per affrontare alcune delle loro sfide, la guida si concentra sui partenariati esistenti e fornisce un quadro su come il CLLD possa essere adeguato ai nuovi contesti e alle nuove dinamiche, inclusa l’innovazione sociale.

È importante però, prima di procedere, fare una premessa in merito all’attuale contesto economico e sociale in cui si situa la programmazione presente.
In molti Stati membri infatti la situazione delle comunità locali è radicalmente diversa da quella dei due precedenti periodi di programmazione. E risulta ancora più evidente, oggi più che mai, come una ricetta ‘calata dall’alto’, sia inefficace mentre ciò che veramente può fare la differenza è porre le comunità al centro del processo di individuazione ed attuazione delle strategie, in modo tale da radicare sempre di più lo sviluppo territoriale ai bisogni, alle necessità e alle capacità di tutti soggetti che in quel determinato spazio vivono ed operano.
Di fatto, quindi, esattamente come stabilito dalla Commissione Europea, risulta evidente l’importanza e la necessità di una programmazione partecipata, che imponga ai territori ad assumersi le proprie responsabilità e ad attribuirsi un ruolo chiaro nel processo dello sviluppo rurale.

Quale è il ruolo dei “vecchi” e dei nuovi partenariati CLLD in questo scenario?
Quale funzione possono svolgere nella dimostrazione e nella definizione di un nuovo modello di governance?

Se se interessato a queste tematiche e vuoi saperne di più, partecipa al corso di formazioneL’approccio CLLD nella programmazione europea 2014-2020: la costruzione della strategia di sviluppo locale”, che si terrà a Torino, dal 26 al 27 maggio.
Un laboratorio pratico, che vi consentirà di apprendere la metodologia, le tecniche e gli strumenti per la realizzazione di Piani Partecipati, in linea con i regolamenti stabiliti dalla Commissione Europea.

Per maggiori informazioni consulta il nostro blog oppure scrivici, senza nessun impegno!

Google

Tags :

Leave a comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.