Il futuro per il turismo? Una sola parola: mobile

Oggi, le persone utilizzano in misura sempre maggiore i propri dispositivi mobili, che si tratti di uno smarthpnone o di un tablet.
In questo scenario, inevitabilmente, il mobile marketing rappresenta una grande opportunità di crescita per le destinazioni e le aziende turistiche.
Se quindi ancora non vi state focalizzando sul mobile, questo significa solo una cosa: state ipotecando il vostro futuro, rischiando di tagliarvi con le vostre stesse mani fuori dal mercato.
Parole come mobile marketing, servizi geolocalizzati, sms marketing, siti per mobile, siti responsive sono sempre più di uso comune quando si parla di strategie di destination marketing.

Alle destinazioni e alle aziende turistiche che vogliono continuare ad essere competitive e al passo con i tempi non resta molto da fare: innanzitutto devono comprendere questa nuova tipologia di consumatori e capire cosa fare per raggiungerli ed intercettare i loro bisogni. Sicuramente, in questo senso, strumenti come la geolocalizzazione così come il mobile tagging sono molto utili perché permettono di conoscerne le abitudini ed esigenze, in modo tale da consegnare loro messaggi rilevanti e di specifico interesse.

A seguire, ecco alcuni semplici dati che vi permetteranno di capire le dimensioni di questo business, le sue grandi potenzialità future e la necessità di sviluppare subito una strategia mirata da integrare con quelle già in atto sia online sia offline.

Innanzitutto, è stato calcolato che proprio quest’anno, ossia nel 2015, ogni persona avrà un dispositivo mobile (fonte: Cisco).
Il 94% dei turisti effettua ricerche online su un prodotto o servizio prima di acquistarlo.
Il 64% ha effettuato un acquisto dopo avere visto una pubblicità su mobile ma ben il 74% afferma di non aver mai ricevuto nessuno avviso pubblicitario dai propri brand favoriti. Ciò evidenzia una certa ancora diffusa reticenza all’uso di adv su dispositivi mobili.
Sicuramente la crescita delle vendite attraverso il mobile è dovuta anche in parte all’incremento di siti di viaggio ottimizzati e responsive, oltre che per la diffusione di smartphone con schermi sempre più grandi che facilitano quindi la visualizzazione dei contenuti.
Secondo un recente report, oggi, nel turismo circa 1 dollaro su 5 speso online arriva proprio da un acquisto fatto tramite mobile.
Direi che si tratta di un dato piuttosto significativo e che dovrebbe senz’altro spingere le destinazioni e le aziende italiane a fare qualche riflessione in merito.

Se vuoi leggere l’articolo completo pubblicato sull’ultimo numero del Destinations & Tourism clicca qui ed iscriviti alla nostra newsletter per riceverlo!

Google

Tags :

Leave a comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.