Destinazioni: poche risorse e nuovi obiettivi

Nel 2012 la frase che si sentirà più spesso ripetere sarà ‘mancano le risorse’ oppure ‘il budget è stato ridotto’. In questo contesto di crisi economica globale, è importante innanzitutto essere consapevoli che la promozione e il marketing turistico, messo in atto tradizionalmente dalle destinazioni e dai territori, dovrà cambiare e trovare nuove strade.

Il 2012 dovrebbe rappresentare in realtà un’opportunità per le destinazioni per lavorare sodo e trasformare la propria offerta poco strutturata in un’offerta di prodotti-destinazione.

In questo contesto è necessario porsi obiettivi chiari e raggiungibili, ed effettuare azioni precise e mirate. È arrivato il momento di abbandonare il vecchio modo di fare promozione, su base annuale. Bisogna avere chiari alcuni concetti. In primis: qual è il nostro obiettivo?Vogliamo che incrementino gli arrivi e le presenze oppure aumentare la conoscenza della destinazione? È importante stabilirlo a priori perché con un budget ridotto, in alcuni casi anche del 30%, non si possono raggiungere tutti gli obiettivi.

Per riuscire a raggiungere risultati realmente efficaci, è necessario inoltre mettersi nella pelle del nostro interlocutore, ossia del potenziale turista e capire quale vantaggio avrebbe nello sceglierci. Finora le destinazioni, in particolare in Italia, nelle azioni di marketing, promozione e pubblicità non hanno mai puntato ed enfatizzato il proprio valore aggiunto o l’elemento di differenzazione rispetto alle altre destinazioni. Per il 2012, invece, sarà indispensabile farlo: si potrà puntare sulla convenienza oppure sulla qualità, o sulla garanzia di vivere un’esperienza unica.

È fondamentale trasmettere e far percepire al turista la propria personalità ed identità come destinazione. Ma attenzione a non cadere nell’errore di puntare tutto sull’immagine: non è la stessa cosa!

Tags :

Leave a comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.