Benvenuti nell’era SoLoMo

L’indagine dell’Osservatorio Nazionale del Turismo di Unioncamere ha indicato l’estate 2013 come l’estate di recupero per il turismo italiano. Dopo un 2012 difficile, lo studio infatti ha segnalato una ripresa degli operatori del ricettivo rispetto all’anno precedente: +2,2% a luglio con un’occupazione media delle camere del 64,4% e +3,3% ad agosto con un’occupazione pari al 74%.

Il turismo continua quindi di fatto ad essere uno dei comparti dell’economia italiana in crescita. E proprio per questo motivo, le imprese turistiche e le destinazioni italiane, seppure in difficoltà, dovrebbero sfruttare le opportunità che hanno a loro disposizione.

Ormai, è evidente che per competere nel complesso e difficile mercato turistico non si possono più utilizzare le logiche, le tecniche e il marketing del passato. È necessario adeguarsi all’evoluzione della domanda. Oggi, il turismo è prevalentemente online ed è quindi lì, in rete, che bisogna essere. Osservare i trend della domanda, essere informati e sempre attenti è l’unico modo per sopravvivere in un mercato così competitivo.

Il marketing e la promozione turistica attuale – e anche del futuro – si muovono in un ambito multicanale: le destinazioni e le imprese turistiche devono essere quindi presenti in diversi canali, devono utilizzare diversi strumenti e piattaforme. E in questo contesto, la tecnologia è e sarà un fattore sempre più determinante soprattutto per l’impatto che ha sul comportamento dei turisti.

Un interessante rapporto di Eye for Travel sulle future tendenze strategiche rivela quali saranno i fattori che segneranno il turismo del futuro immediato.

Se, come appena detto, il turismo oggi è fondamentalmente online nel futuro lo sarà ancora di più, anzi sarà Social+Local+Mobile, ossia SoLoMo, come è stato già battezzato.

Già perché il turismo è mobile: ben il 20% di tutte le prenotazioni turistiche si fanno infatti attraverso i mobile device (smartphone e tablet). Il 37% dei consumatori di tutto il mondo accede a internet attraverso gli smartphone e nel 2013 il 25% dei turisti ha cercato proposte, offerte ed informazioni sulle destinazioni proprio attraverso il proprio mobile. Questo dato di fatto non può significare altro che il mobile deve diventare assolutamente una parte centrale delle strategie di marketing delle destinazioni e delle imprese turistiche italiane.

Il turismo è ogni giorno più social: l’uso dei social media è infatti in crescita esponenziale. Nei paesi sviluppati il 44% dei turisti utilizza i canali social ma il fenomeno sta crescendo anche nei mercati emergenti. Purtroppo il settore turistico considera i social media ancora come un pericolo, come canali di informazione critica, dimenticando invece il loro enorme potenziale: se utilizzati propriamente infatti sono numerosi i vantaggi che si possono ottenere, per esempio sfruttando lo User Generated Content. Tuttavia, ad oggi, sono veramente poche le imprese e le destinazioni che utilizzano in modo adeguato i social media come canali di comunicazione e promozione, ma anche come fonti per le prenotazioni.

E sicuramente questo è una degli aspetti su cui il settore turistico deve sicuramente lavorare ed impegnarsi in misura maggiore.

ll mercato turistico oggi è fatto principalmente di conversazioni: gli utenti infatti parlano delle destinazioni, dei servizi e delle esperienze che hanno vissuto, generando reputazione. Ma nella maggioranza dei casi la reputazione non viene gestita dalle destinazioni e dalle imprese, ma viene semplicemente subita.

Oggi, la multicanalità è la chiave. Il mobile e i social media non sono due elementi separati, ma devono essere considerati e gestiti come un unicum, un insieme. Non è più possibile essere presenti ed utilizzare soltanto un canale piuttosto che l’altro: dato che è il turista a decidere e dato che utilizza tutti i canali allo stesso modo allora anche le destinazioni e le imprese per adeguarsi dovranno fare lo stesso.

Se vuoi leggere l’articolo completo, scaricati il nuovo numero del Destinations & Tourism.

Google

Tags :

Leave a comment

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.